Annotazioni

Ho aperto tante volte questa pagina e lasciato ogni volta una bozza, quando mi veniva un pensiero e pensavo che avrei potuto scriverlo. Però poi cancellavo la bozza e lasciavo perdere. Forse sarà colpa dei social network e del fatto che scrivi una frasetta e la metti lì e riassumi tutto quello che stavi pensando e ti basta così.

Poi sarà che ci sono tante cose da fare e quando torno a casa dopo averle fatte preferisco ascoltare un disco o guardare un film o leggere un libro e faccio meno fatica che a scrivere quello che penso. Solo che se leggo qualcosa di bello la conseguenza è che mi viene voglia di scrivere e allora torno qui. Ma poi, di nuovo, lascio tutto in bozza.

Oggi fa freddo e aspetto di prenotare un viaggio e ho un documento appena iniziato che ho salvato come “tesi” e penso che i mesi scivolano via come perline e da un giorno all’altro sono già arrivata qui. Allora mi sono fermata e ho raccolto qualche pensiero di quelli che di solito si mutano in frasette e l’ho fatto diventare un po’ più grande e l’ho steso col mattarello qua sopra.

Pensavo alla telefonata a un amico, a quello che ho messo dentro al “come stai?” che ho detto (era un comestai che significava cento cose insieme), al suo “bene!” pronunciato con un tono alto e pieno di vibrazioni. E io so che non voleva dire che stava bene, ma lo devo accettare e non mi arrabbio, perché è successo anche a me di dire così, e se non imparo prima io mica posso pretendere di insegnarlo.

Adesso mi chiedono tutti cosa farò tra sei mesi, ma in questo momento non ho sogni e prendo a piene mani quello che mi succede giorno per giorno senza guardare troppo in là. Perché da un momento all’altro le cose cambiano, e io mica posso prevederle. Quando mia mamma mi ha chiesto se ho mai pensato di aprire un ristorante ho pensato fosse impazzita, ma poi ho capito che anche lei, come me, fa dei tentativi a casaccio, perché nessuno sa quello che succederà.

Advertisements

2 thoughts on “Annotazioni

  1. purplepaola ha detto:

    Courage! Sopravviveremo anche a questo inverno, e al conto alla rovescia che ci separa dalla “fine di questi 6 mesi”

    Paola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...