Assonanze

Tornando a casa pensavo che avrei voluto lasciare qui una specie di impressione della mia vacanza. Ho perso l'abitudine di fotografare e mi restano le parole per fissare le immagini e impedirmi di dimenticare.
A volte apro i cassetti e ritrovo vecchi fogli stropicciati che mi permettono di ricostruire pezzi di me, che altrimenti avrei già perso.
La mia ultima moleskine si ferma ad agosto dell'anno scorso. Il resto è, sempre un po' mascherato, qui. Mi chiedo cosa farei se a un certo punto un piccolo virus iniziasse a zampettare nelle pagine di splinder e all'improvviso lo schermo diventasse tutto nero. Un po' come se lasciassi per sbaglio cadere un fiammifero nel cassetto del comodino. Forse ricomincerei semplicemente daccapo, come ho sempre fatto.
La mia memoria conserva i particolari più inutili, tanto che a volte mi scopro a raccontare i miei pensieri a qualcuno che mi sta vicino da anni e lo sento dirmi che sono sempre la stessa. Che dieci anni fa li avevo già, quei pensieri. E mi stupisco di averli dimenticati.
Ieri, ridendo, ho detto a M.: "vediamo se sei veramente la mia biografa personale", e le ho raccontato di avere ritrovato delle cose scritte anni e anni fa. E lei mi completava le frasi senza bisogno di suggerimenti. Allora ho pensato che, se io mi dimentico, ci sarà comunque qualcuno che riempirà i vuoti per me.
C'era un film che guardavo sempre da piccola, in cui nasceva un bambino che aveva questa malattia per cui invecchiava cinque volte più in fretta del normale, e quindi a sei anni ne dimostrava già più di trenta. C'è questa scena in cui la mamma attacca delle foto a un album, ci disegna sopra con le matite colorate, e nel frattempo fa le bolle di sapone. Forse ho bisogno anch'io di un album così, per evitare i danni del tempo, che, anche per me, scorre spesso cinque volte più veloce del previsto .

Advertisements

4 thoughts on “Assonanze

  1. anonimo ha detto:

    Se ti consola, il grande Miles Davis diceva: "La ragione per cui sono quel che sono è che non ricordo assolutamente nulla". E quindi per ogni suo disco era come se fosse la prima volta, compreso l'entusiasmo.Lui era un grande, forse anche tu. :)Banxy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...