Dedica

Sto leggendo un libro con una dedica sulla prima pagina. Ma non so per chi sia, non è per me. C'è scritto solo "16 ottobre 2001: 10 mesi. Marco", con una calligrafia un po' sghemba, che all'inizio mi ha fatto pensare a un ragazzino alla sua prima storia d'amore. Poi ho ragionato sul fatto che spesso gli uomini mantengono una scrittura sbilenca anche da adulti, e ho iniziato a chiedermi il perché quel libro fosse finito nel negozio dell'usato.
Sono pochi i libri che mi sono stati regalati, pochissimi quelli regalati da ex fidanzati, e ancora meno quelli con dedica. Ma ci sono talmente legata, che non so cosa si dovrebbe arrivare a fare per indurmi a venderli. Venderli, non buttarli: buttare i regali, rimandarli al mittente, è una cosa che penso abbiano fatto quasi tutti, dopo una delusione o un abbandono. Ma rivenderli, ricavarne qualcosa, mi sembra quasi peggio.
Allora m'immedesimo in questa ragazza, che ha scoperto che Marco aveva in realtà una famiglia, un figlio.
Oppure che l'ha tradita con la sua migliore amica.
O col suo migliore amico.
Oppure l'ha abbandonata il giorno in cui dovevano firmare il mutuo per la casa.
Sono tutte cose per le quali io l'avrei buttato, quel libro. Non avrei fatto nemmeno in tempo a ragionare sulla possibilità di rivenderlo.
Ho sempre pensato che l'unico motivo per sbarazzarmi di vecchi libri fosse che mi facevano schifo. E che darli a una libreria dell'usato significasse rimettere in circolo le energie e permettere a qualcun altro di goderne. Quindi, ogni volta che ne ho comprato uno, mi sono immaginata che comunque la persona che l'aveva venduto dovesse al massimo fare spazio su una mensola. Non cancellare un ricordo e guadagnarci anche sopra.

Annunci

8 pensieri su “Dedica

  1. forse Marco ad ogni compli-mese le regalava un libro… forse Marco era un po' distratto e ogni tanto le regalava due volte lo stesso libro… forse lei gli voleva bene lo stesso… forse lei quel giorno, sapendo che avrebbe ospitato Marco a casa sua, per non metterlo in imbarazzo, mise in uno scatolone in cantina tutti i doppioni… quel giorno lui le chiese di sposarlo… forse dopo qualche mese andarono a vivere in un'altra casa, la loro, dimenticando lo scatolone in cantina… forse la proprietaria della casa dove lei viveva prima trovò lo scatolone, dentro c'erano libri… quelli più interessanti li tenne, gli altri li buttò nel cassonetto della carta… forse suo marito, quella sera, la rimproverò per non aver avvertito la ragazza che aveva dimenticato i libri in cantina… forse la signora rispose stizzita che non aveva il numero di telefono e che nel trasloco avevano rigato la porta d'ingresso e quindi non se lo meritava… forse il giorno dopo un barbone, rovistando dentro al cassonetto, trovò dei libri e li portò al negozio dei libri usati…quel giorno il barbone mangiò un buon piatto di minestra e Gamine ebbe un nuovo libro da leggere…

  2. so di aver già commentato ieri questo post ..adesso i casi son due, o non ho cliccato l'invio, o chissà dove l'ho postato … win 7 mi sovrappone troppe finestre e son distratta … Insomma dicevo … che il commento di Maletti era molto bello e che c'era da aggiungere poco …personalemente son troppo pigra x andare nei negozi di conto vendita a liberarmi delle cose inutili, passate o dolorose … poi di base non son tirchietta quindi il problema si risolve da sè …. ossia = cassonettociao

  3. Io penserei di essere stata Marco in qualche istante della mia vita. Nessuno mi ha mai regalato dei libri che mi fossero entrati nel cuore, è un momento che concedo solo a me stessa! Un autobacio!

  4. Non mi sono mai chiesta, in effetti, se qualcuno abbia mai buttato i miei regali. Io direi che quelli che mi hanno fatto li ho tenuti tutti (al massimo avrò cestinato lettere e fotografie, ma solo in rarissimi casi..)

  5. E' una storia davvero particolare, e mi piacerebbe che le cose fossero andate come dice "maledetti_architetti" (anche se temo che la realtà sia stata molto più triste e prosaica…)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...