Non mi sono pettinata con le bombe a mano

 Non c’è niente di più simbolico, per una donna, che il gesto di tagliarsi i capelli. Normalmente, io non faccio testo: chi mi conosce sa che rapporto ho con i miei, di capelli, che sono totalmente indipendenti dalla mia volontà. Non stanno mai come ordino loro. Per questo, il parrucchiere mi vede almeno una volta al mese.
In questo momento particolare, il mio gesto simbolico è lasciarli crescere. Al posto di un taglio netto, un cambiamento più morbido, il passaggio a una nuova fase senza interventi drastici. Loro mi seguono, fuori controllo  come sempre, ma perfettamente in linea con gli altri aspetti della mia vita che stanno, dolcemente, mutando. I miei tempi, ormai lo so, sono lunghi, e lo sforzo è quotidiano. Ma so quanto ne vale la pena.
Con quegli stronzi ribelli a darmi noia e soddisfazione, dall’alto della testa.

Annunci

Un pensiero su “Non mi sono pettinata con le bombe a mano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...