Libertà di colore

Lo sappiamo tutti, quello che è successo al giudice Mesiano, il pedinamento e l’accusa di stravaganza, nell’intento di screditare pubblicamente “l’uomo del Lodo Mondadori”.

Premetto che, se tutte le volte, che aspetto il mio turno dalla parrucchiera fumando una sigaretta, mi pedinassero, verrebbe fuori che sono incredibilmente stravagante anch’io. Ma la cosa che mi spaventa di più in assoluto in questa storia, è proprio l’attenzione morbosa sul colore dei calzini indossati dal giudice. Dovremmo iniziare ad andare in giro tutti uguali, in divisa? Ci sarà un abito obbligatorio per il popolo?  Mi sembra una specie di razzismo dell’abbigliamento, il colore del calzino come il colore della pelle.

E allora io dico, prima che anche le calze della Befana siano sottoposte ad un giudizio politico, mettiamoci tutti non solo i calzini azzurri, ma anche quelli millerighe, che facciano eco alla bandiera della pace e all’arcobaleno del movimento omosessuale, che di questi tempi abbiamo decisamente bisogno di farci forza l’un l’altro.

calzini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...